RECENSIONE DAYS GONE - The Sardinian Gamer Playroom

Title
Vai ai contenuti
Impressioni su Days Gone

Data di uscita: 26 Aprile 2019
Piattaforma: PlayStation4, a breve anche su Pc (già preordinabile su Steam)
Tipologia: Giocatore singolo in terza persona, action adventure open world

Days Gone a mio modesto parere è un vero e proprio Masterpiece da giocare almeno una volta nella vita.
La trama, scorrevole e ben articolata, vi terrà incollati al gioco ed è arricchita da tante missioni secondarie differenti ma collegate tra loro.
L'Oregon di Days Gone è uno scenario post apocalittico perfettamente rappresentato e completamente esplorabile e, udite udite, perfettamente fedele all'Oregon selvaggio della realtà.

Il protagonista, Deacon St. Jhon è un biker "randagio" e cacciatore di taglie che ha perso tutto a parte il suo migliore amico Boozer: la scomparsa della moglie, Sarah, lo porta a girare per luoghi impervi pieni di pericoli come furiosi, altri randagi, gruppi di ripugnanti (una setta in cui i componenti vivono venerando gli infetti volendo somigliare il più possibile a loro) e una natura completamente ostile.
La moto, completamente customizzabile avanzando con la storia principale e con il completamento delle second quests, ci accompagnerà per tutto il viaggio: sarà un vero e proprio piacere guidare per chilometri e chilometri, ammirare il paesaggio con i differenti climi che si alternano (come anche il giorno e la notte) e fermarsi a fare "qualche" fotografia grazie al comparto fotografico che è uno dei più completi che io abbia mai visto.



La componente survival non è per niente lasciata al caso, anzi, è molto enfatizzata: dalla ricerca dei materiali per la costruzione di bombe, silenziatori per le armi alla ricerca del carburante per il serbatoio della vostra moto, noterete con piacere che c'è sempre qualcosa da fare e il gameplay non annoia mai.
Il tutto è condito da animali idrofobi (che son stati contagiati dal virus dei furiosi/zombie), civili da salvare e da portare nei vari accampamenti, altri gruppi di randagi ostili che tenteranno di uccidervi, inseguirvi e mettere fuori uso la moto.
L'alternanza giorno/notte è molto importante soprattutto per quanto riguarda il comportamento delle ORDE, parte importantissima del gioco.



LE ORDE a parer mio sono la parte fondamentale del gioco: superata l'ansia iniziale nel distruggerle (e fidatevi, l'ansia vi verrà davvero) andrete a cercarle voi stessi per divertirvi a sterminarle mettendo in atto diverse tecniche! In genere sono molto abitudinarie: durante il giorno stanno rintanate nelle grotte, nelle miniere o negli edifici mentre durante la notte migrano verso i corsi o gli specchi d'acqua per nutrirsi (infatti uno dei consigli che mi sento di darvi per sterminarle e completare la quest secondaria dedicata a loro è di attaccarle durante il giorno utilizzando attrattori e bombe).

Avrete modo di appurare che i furiosi (così vengono chiamati gli zombie nell'universo di Days Gone) non sono tutti uguali: oltre gli zombie "semplici" e facilmente abbattibili avremo quindi le Sirene che avvisano gli altri zombie urlando (quindi consiglio con loro un approccio Stealth uccidendole a distanza con un colpo alla testa di fucile di precisione con silenziatore annesso), Le Ombre (molto resistenti, sono infetti ad uno stadio molto avanzato) iper veloci e furbe, i Colossi (alti e muscolosi, sono molto forti quindi attenzione ad affrontarli corpo a corpo fino a che non avrete sbloccato la modalità "attacco furtivo".



Un'altra caratteristica di questo open world sono senz'altro i Presidi della NERO, corpo militare molto avanzato del governo americano che ha disseminato le sue basi in giro per tutta la mappa con l'intento, ovviamente non andato a buon fine, di contrastare l'invasione della pandemia studiando i comportamenti delle orde: avendo accesso alle basi Nero potrete raccogliere i vari nastri con le registrazioni degli istanti precedenti agli attacchi delle orde e capire, avanzando con il gameplay, cosa effettivamente sia successo due anni prima (il momento in cui ha avuto inizio la pandemia). Faremo ben presto conoscenza con O'Brian, membro della Nero che ci darà degli importanti dettagli durante tutto il corso della storia.



Le musiche sono perfette e vi accompagneranno durante i lunghi viaggi in moto da una zona all'altra, attraversando le montagne e passando da un clima caldo e mite ad una clima rigido e freddo in cui la neve fa da padrona.
Qui in basso vi lascio qualche scatto che ho effettuato con la mia PlayStation4 slim.
Se avete bisogno di qualche ulteriore info o consiglio sulla giocabilità del titolo non dovrete fare altro che chiedermelo!



Torna ai contenuti